» » »

Terapia cognitivo comportamentale Isernia

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono per quanto riguarda la salute. In particolar modo stiamo parlando di terapia cognitivo comportamentale che e' una delle forme di terapie comportamentali piu' utilizzate nella moderna psicoterapia. Leggi l'approfondimento di www.infosalute.info e consulta la lista di specialisti a Isernia.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Croce Azzurra Isernina Di Zullo Luciano E Matticoli Angiolino Snc
via Giovanni XIII, 73
Isernia
 
Igea Medica Srl
(086) 545-7005
via Acqua Solfurea, 1
Isernia
 
La Torre Service Srl
via Pio La Torre, 7
Isernia
 
Ars Medica S.R.L.
(086) 541-2875
corso Risorgimento, 314
Isernia
 

TERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE PER CURARE LA DEPRESSIONE E NON SOLO

La terapia cognitivo comportamentale ha lo scopo di curare i disturbi legati all'umore e all'ansia

24.07.2011. La terapia cognitivo comportamentale si è sviluppata attorno agli anni Sessanta del secolo scorso per opera di A.T. Beck, ma pone le sue radici nella psicologia comportamentista fondata da Watson e Pavlov. La terapia cognitivo-comportamentale ha lo scopo di curare diversi disturbi di tipo psicopatologico: tra questi, i più importanti sono i disturbi dell'umore e l'ansia. Per contrastare questi disturbi, si stimola il paziente ad eliminare i pensieri distorti e a modificare le emozioni che causano un disadattamento dell'individuo, nonché numerose disfunzioni. Questa terapia si basa sulla credenza che tali disturbi nascano a fronte di una sbagliata percezione degli eventi da parte dei soggetti, o più precisamente il modo in cui gli eventi vengono interpretati. Un modo di pensare, quindi, distorto che influisce direttamente sull'umore e che incide sulla tranquillità emotiva del paziente, causando ansia. L'intervento psicoterapeutico mirerà dunque ad aiutare i soggetti ad identificare quei pensieri che portano angoscia, per poi portarli a fare una valutazione il più realistica ed oggettiva possibile su quel determinato pensiero. Il processo è strutturato, così, in due fasi: in primis, lo psicoterapeuta fa associare al paziente un determinato evento od esperienza all'emozione che causa l'insorgere de...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Infosalute