» » »

Medico di famiglia Carbonia

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono se stai cercando un nuovo medico di base nella tua zona. Il medico di base o il medico di famiglia. Il medico di base e' una figura centrale nelle nostre vite al quale ci possiamo rivolgere per qualsiasi problema prima di rivolgerci a uno specialista.. Leggi l'approfondimento di www.infosalute.info e consulta la lista di specialisti a Carbonia.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Anna Maria Ferrara
078164160
Via S. Caterina 8
Carbonia
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Paolo Pinna
078161994
Via Trento 65
Carbonia
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Maria Grazia Boi
Via Magritte 6
Carbonia
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Luigi Caria
078164160
Via S: Caterina 3
Carbonia
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Luigi Lisci
Via Trento 77
Carbonia
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Nicola Di Francesco
Viale Trento 14
Carbonia
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Cornelio Potenza
(078) 167-3027
Via Nuoro 22 -24
Carbonia
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Antonella Esu
078163578
Via Satta 148
Carbonia
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Maria Pia Ghiani
078164748
Via Satta 154148
Carbonia
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Virgilio Scano
(078) 167-1885
Via Cannas 25
Carbonia
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Informazione fornita da

OGNI MEDICO DI FAMIGLIA ESEGUE 30 VISITE AL GIORNO

I dati del VI Rapporto Health Search della SIMG che fotografa la situazione nazionale. "Aumenta il lavoro, in 7 casi su 10 prescriviamo farmaci"

05.01.2011. Il carico di lavoro dei medici di famiglia è aumentato in maniera esponenziale: da 6,6 contatti all’anno per paziente del 2003 a 7,1 del 2009, che equivale a circa 30 visite al giorno. Un dato in crescita in particolare per i camici bianchi che lavorano nel Sud e nelle Isole. Senza considerare il peso degli adempimenti burocratici che occupano più della metà della vita professionale. Chi va dal medico di famiglia è soprattutto donna (ma non dai 75 anni in poi, quando a prevalere sono gli uomini) e ha più di 55 anni (anche se dagli 85 anni l’accesso diminuisce). Su 100 visite, 23 terminano con la richiesta di accertamento diagnostico-strumentale, 14 con una richiesta di visita specialistica e 72 con una prescrizione farmaceutica. È la fotografia scattata dal VI Rapporto Health Search della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) che ha monitorato i comportamenti di un campione statisticamente significativo di 650 professionisti. “Health Search è il prototipo di ciò che manca al nostro Paese – spiega il dott. Claudio Cricelli, presidente SIMG -. Tutti, dal Ministero dell’Economia fino ad ogni singolo Direttore Generale, ne avrebbero un bisogno drammatico. Nato per raccogliere informazioni sui comportamenti dei medici, Health Search è un database che si è evoluto fino a offrire uno spaccato degli effetti degli interventi di cura. Oggi rappresenta un sistema di valutazione dei costi sanitari ‘pesati’ per risultati, uno strumento essenziale per favorire la Clinical Governance del sistema”. Per contatti medico-paziente si intendono le visite ambulatoriali che terminano con la registrazione di una diagnosi, di una prescrizione farmaceutica, di un’indagine diagnostico-strumentale o di qualunque altro intervento registrato nella cartella clinica informatizzata. L’ipertensione arteriosa essenziale è la patologia che impegna maggiormente il medico di famiglia (15,5% delle visite), seguita dal diabete mellito (5,3%) e dai disordini del metabolismo lipidico (3,3%). “Ma analizzando in particolare il numero medio di visite annuali eseguite per la gestione di una determinata patologia – continua il dott. Cricelli – il diabete mellito ha fatto ...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Infosalute