» » »

Anoressia Torino

Queste pagine offrono interessanti e utili approfondimenti e informazioni locali che ti possono aiutare ad avere tutte le informazioni che ti servono per quanto riguarda la salute. In particolar modo stiamo parlando di disturbi alimentari, e specificatamente di anoressia che e' una condizione molto grave della nostra societa' che colpisce sempre piu' adolescenti..Leggi l'approfondimento di www.infosalute.info e consulta la lista di specialisti a Torino.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Cristina Tarditi
(011) 434-3664
Corso Francia 1
Torino
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Enrico Melzi
011538907
C.so V. Emanuele 121
Torino
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Pietro Galloni
(011) 696-1037
Via Palma Di Cesnola 23 T
Torino
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Cesare Mogna
(011) 668-9718
Viale Thovez 22
Torino
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Mirella Bruno
(011) 324-2230
V. Filadelfia 160
Torino
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Laura Peiretti
Via Buenos Aires 75
Torino
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Lorenzo Poglio
011615269
V.o.vigliani 3
Torino
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Laura De Costanzo
(011) 347-3445
Via Farinelli 36 9
Torino
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Antonella Grattini
(011) 581-8509
C.so Turati 25 4
Torino
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Sandro Mainardi
(011) 314-9638
C.so Cosenza 101 B
Torino
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Informazione fornita da

I DISTURBI ALIMENTARI: L'ANORESSIA E LA BULIMIA

Centri specializzati in disturbi dell'alimentazione e del peso: le ragazze tra i 15 e i 19 anni di età sono le più colpite

04.11.2011. Tra i disagi più grandi che colpiscono le giovani ragazze (e non solo, poiché la percentuale dei maschi colpiti è sempre più in aumento) si ritrovano sicuramente i disturbi alimentari. Essi si caratterizzano per la comparsa di alterazioni del comportamento alimentare che hanno lo scopo di tenere controllato il peso, ma che si traducono in un danneggiamento generale della salute fisica e del funzionamento della psiche. Molte persone infatti, sopratutto le ragazze, appaiono spesso preoccupate per l'aspetto esteriore e per la cura del corpo: questo è particolarmente vero proprio quando attraversano il periodo dell'adolescenza, ovvero nel momento in cui subiscono drammatici cambiamenti fisici. Ed è in questo momento che più facilmente possono insorgere i disturbi alimentari (la percentuale più alta di soggetti affetti da queste patologie si attesta, infatti, attorno ai 15-19 anni). Tra i disturbi del comportamento alimentare più comuni troviamo sicuramente la “Bulimia Nervosa” e l’ “Anoressia Nervosa” (chiamate più semplicemente “bulimia” e “anoressia”). Nel primo caso, la persona è portata ad ingurgitare smisurate quantità di cibo; tuttavia, coloro che sono affetti da questa patologia, presi dai sensi di colpa eviteranno di metabolizzare il cibo sopratutto avvalendosi di enteroclismi, diuretici e auto-inducendo il vomito. Nel caso dell'anoressia, invece, il soggetto manifesta una esagerata paura di ingrassare: essa si traduce nella ridotta assunzione di cibo che, nei casi più gravi attestati, si traduce in malnutrizione, amenorrea per le ragazze ed infine emaciazione. Tuttavia queste due patologie hanno un punto in comune: l'alterata percezione del proprio peso e una distorta immagine corporea, che rendono i disturbi alimentari molto difficili da curare. Infatti, i medici sono concordi nell'affermare che la difficoltà sta sopratutto nel far riconoscere ai soggetti di avere un problema e di far loro accettare la terapia a causa della natura stessa della patologia. Il prof. Roberto Ostuzzi, presidente della Sisdca (Società italiana per lo studio dei disturbi del comportamento alimentare) e psicoterapeuta al Centro Disturbi Alime...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Infosalute